kalivria cooertina.jpgLa cover, fondo nero con il solo logo e una scritta bianca, essenziale e sobria, elegante e raffinata, lasciava presagire un disco in bianco e nero, invece di un intenso, appassionante, colorato viaggio dentro il mondo fantastico dell’anima popolare calabrese, ricchissimo di momenti sonori da ascolto silenzioso e meditato.
L’insieme di suoni tra etno pop, con sprazzi di funky, rock, progressive, world music ne fa un contenitore colmo di musica, immagini e parole, in un melange che supera le  barriere linguistiche e riesce a volare anche oltre i confini nazionali. Vinni Mi Kantu include dieci ‘perle sonore’ che giocano con parole, tradizioni popolari, suggestioni, antichi mestieri, storie d’amore e libertà. Suoni che regalano sensazioni forti e riescono a creare l’indissolubile ‘groove’ che blocca l’ascoltatore nel leggere i testi dell’elegante booklet di 14 pagine del cd.

Un cartonato molto bello con un testo intenso che fa scoprire quello che si vivrà ascoltando i brani. Edito da Miseria & Nobiltà, Vinni Mi Kantu, ha in se un “segreto” che ha creato un caso nel web. On line, sul sito Mondadori Shop, è balzato al primo posto, dopo una settimana dalla sua immissione; un vero record per una band. Il “segreto” credo sia da ricondurre alla presenza di una canzone di Domenico Modugno, poco nota per dire il vero al grande pubblico, intitolata Reggio Calabria ed inserita come “special track”, con il totale rifacimento che i Kalavrìa hanno apportato alla musica, introducendone un sincopato ostinato ed arabo andaluse, non dimenticando di assecondare anche uno standard molto orecchiabile da Hit single. “L’uscita di un disco – afferma Nino Stellittano front men  e leader dei Kalavrìa – è la realizzazione di un idea con suoni molto attuali per essere trasversali tra l’etnia ed il pop. Ringrazio Lino Lacquaniti, Francesco Monteleone, gli editori dell’etichetta milanese Miseria e Nobiltà, per avere creduto nel nostro progetto ed  il supporto compositivo di Michele Musarra e Luccio Nicolosi”. Le idee in questo album diventano ritmo e gioco in Lia Liuzza, sprazzi di rock elettrico in Vinni Mi Kantu, di funky in Fudditthu, con la melodia di Kantu, Supra na petra e Piscaturi, per poi divenire rock che sfiora il prog in Briganti e Libertà e Mastru Kustureri. Il tango, se pur in maniera tenue e leggera, si ritrova, soprattutto per la presenza timbrica della fisarmonica in Nta la punta du stivali, per poi finire nel ritmo cadenzato dai tamburi in Tema di Giangurgolo.
Sembra tutto finito quando appare, come la fata morgana nel mare dello Stretto, la trascinante “special track”  Reggio Calabria di Domenico Modugno, “ricordo indelebile di una notte d’amore tra un uomo e una donna, tra sogno e realtà, da Reggio Calabria al sud accanto alla Sicilia” come recitano le note di copertina.
Un esordio discografico davvero straordinario  per una band che rende molto nella dimensione live, che riesce a superare il canto nel dialetto reggino con un sound molto accattivante. Dal 1975 ‘on the road’ con il nucleo iniziale ed un progetto ripartito lo scorso anno.
”Kalavria non è solo musica – dice Fulvio D’Ascola, tour manager e responsabile  comunicazione e marketing della band – è anche un progetto che unisce le diverse forme d’arte, con un  settore del merchandising in evoluzione, creato con gadget molto particolari”.  Edito per la casa discografica Miseria & Nobiltà, con il booking live di Momenti Sonori, il disco è stato registrato agli Open Gates Studio di Catania, con il sound enginer Michele Musarra e l’assistenza tecnica di Luccio Nicolosi. Un “miscuglio di sud” tra i componenti del gruppo: Nino Stellittano (voce,chitarra e tamorra), Michele Musarra (basso), Edoardo Musumeci (chitarra), Luccio Nicolosi (tastiere,fisarmonica e programmazioni), Dario Sportaro (batteria).  Le voci femminili sono  di Gabriella Scornavacche  e Giovanna D’Angi.  Il  disco si può acquistare nei migliori negozi di dischi, sul sito di mondadori shop e su http://www.kalavria.it, Scopriamo il  suono che dal profondo invade il mondo, tra i Sud accanto, un  contenitore dell’arte da riempire con le emozioni della musica…” Vinni Mi Kantu” …amuri e libertà…

I 10 titoli delle canzoni di “VINNI MI KANTU”

Vinni MI Kantu
Lia Liuzza
Supra na petra
Kantu
Briganti e Libertà
Piscaturi
Fudditthu
‘Nta la Punta du stivali
Mastru Kustureri
Tema di Giangurgolo
Special  track
Reggio Calabria di Domenico Modugno

Edizione Musicali : Miseria e Nobiltà Sas – Milano
Live Managementt : Momenti Sonori Srl- Milano – Francesco Monteleone e
Pasquale Lacquaniti – Tel.393-9463679- 393-9363673
Registrato e missato da Michele Musarra presso Open Gates Studios Catania
Assistente al missaggio :  Luccio Nicolosi
Produzione e realizzazione : Nino Stellittano  Associazione di Arte e Cultura Kalavria
Progetto grafico :  Graphlab di Maria Teresa Suraci
Comunicazione e Marketing :  Account Fulvio D’Ascola
Addetto stampa :  Marcella Giustra – Francesco Monteleone

Post e link correlati

I Kalavria a Brattiro’ di Drapia (recensione e video)

Altri Videoclip su musicisti, Tropea e tanto altro