Ciao Lello, oggi sono incazzato nero e non volevo scriverti niente. Volevo starmene in silenzio, pregare. Solo questo l’istinto mi suggerisce. Tu  sai il perché da lassù. Al campo sportivo, oggi, non ho visto le belle cose che stavamo vedendo insieme. Non ho visto la serenità e la voglia di giocare al pallone dei giorni scorsi. Si sono rivisti nervosismi fuori luogo, scorrettezze assolute, mancanza di senso del rispetto per te. Non da parte di tutti ovviamente, solo di alcuni cretini ….come sempre accade, nella vita come nel calcio metafora della stessa, alcuni cretini rischiano di rovinare il lavoro e lo spirito di questo torneo. Ed è per loro, che ho deciso di scriverti anche oggi, malgrado la mente e le mani mi dettavano il silenzio. Ed è a loro che mi rivolgo per ribadire un concetto semplice e diretto: SE NON ACCETTATE DI GIOCARE PER DIVERTIRVI E PER LELLO PONTORIERI ALLORA STATEVENE A CASA! QUI ALLO STADIO C’E’ POSTO SOLO PER COLORO CHE VOGLIONO PASSARE 2 ORE DIVERTENDOSI IN MEMORIA DI LELLO. La posta in palio non è la coppa dei campioni. Non ci sono trofei particolari da aggiudicarsi. Il torneo non lo vince chi arriva primo in classifica, ma le squadre e i giocatori che gareggiano per generare divertimento, per onorare la memoria di questo ragazzo formidabile. Il torneo lo vince chi si distingue per correttezza, generosa partecipazione, entusiasmo, rispetto delle regole e voglia di vivere. Si, proprio così. Dimostriamo di saper vivere, il palcoscenico del campo sportivo, questo memorial, a questo servono alla fine dei conti. Non ad altro credetemi. Ecco Lello mio, adesso mi sento meglio. Tu lo sai che non riesco mai a tenermi dentro i rospi. Ma adesso ti dico anche le cose belle che pur ci sono state in campo. Quella che su tutti mi è piaciuta è la grande personalità del direttore di gara, dell’arbitro Cortese, che bonariamente noi chiamiamo Afferma. Si proprio lui, Francesco, il migliore in campo oggi. Ha le “palle” questo ragazzo caro Lello. Personalità da vendere, generosità assoluta nel dare la sua disponibilità affinché questo torneo possa svolgersi nel segno del rispetto reciproco. Non pretende nulla in cambio, solo il rispetto delle regole di gioco. Oggi è lui il vincitore di questa partita. Non ho dubbio alcuno. Ha fatto capire a tutti, con tempestività e forza per cosa si gioca qui alla marina di Tropea. 3 espulsi e 4 ammoniti. Questo il bilancio in soldoni del nervosismo di oggi. Ci tiene assai a questo torneo. Si prodiga ogni anno per permettere a tutti di passare 1 mese di divertimento. Stila i calendari, appronta il regolamento, recluta alcuni arbitri. Credo ti voglia bene assai, senza dirlo ad alta voce, ma per uno come me che fa parlare i fatti, questo significa il suo atteggiamento. Poi, ieri, dopo la partita, l’arbitro Francesco si è giocato una piccola partita con la paura, quella vera, forte, quella che paralizza e può addirittura farti morire. Anche lì è uscito bene….ma questa è un’altra storia che tu saprai di certo. Oggi torno allo stadio, ma giuro che non scriverò più una riga, non un fotogramma se a qualcuno e parlo dei giocatori per primi, queste cose non arrivano dirette e sortiscano l’effetto auspicato. State giocando per Lello Pontorieri CAPITO? Non lo dimenticate! La cronaca di seguito premendo continua.

STELLA DEL SUD

BAR SHREK

Condò Giuseppe

Pata Francesco

Sicari Carmine

Caporale Domenico

De Vita Francesco

Cosentino Carmelo

Muscia Nunzio

Cosentino Francesco

Zaccaro Emanuele

Crai Antonio

Tavella Domenico

De Luca Davide

Calamita Paolo

Forelli Salvatore

Saturno Marco

Pedazzo Domenico

Godano Carmine

Lorenzo Salvatore

Gallipoli Teo

Marchese Agostino

Marchese Domenico

Srumpo Nicola

Sostituzioni

Sostituzioni

Scicari C. (Gabriele Crisafio)

Pedazzo D. (Barone Dario)

Gallipoli Teo (Saturno Francesco)

Crai A. (Centro Piergiorgio)

  Forelli Salvatore (Brusio Francesco)
   

Risultato finale: 4-2

Arbitro: Cortese Francesco

Ammoniti: Lorenzo S., Forelli S., Cosentino F.sco, Sicari C., Zaccaro E.,

Espulsi: De Luca Davide; Saturno Francesco (espulsione diretta); Calamita Paolo (doppia ammonizione)

Marcatori Stella del Sud:  Marchese Domenico (3 Goals); Calamita Paolo (1 Goal); Marcatori Bar Shrek: Nicola Stampo (2 Goals)

Miglior giocatore in campo: Marchese Domenico

Cronaca: Sostanziale supremazia di gioco per gran parte del primo tempo  da parte della Stella del Sud, che riesce ad imporre il suo gioco a ritmi serrati. Buona la fase difesiva del Bar Shrek per i primi 20 minuti, ma nulla possono di fronte ai continui attacchi della compagine di Castagna, che passa al 22 con Marchese. Il raddoppio è nell’aria e lo sigla lo stesso Marchese al 35° minuto. Il primo tempo di chiude sul 2-0 per la Stella del Sud. La ripresa vede la squadra del bar Sherk rialzare il capo ed imporsi con notevole forza reattiva, pareggiando i conti con una doppietta di Stampo. Sul 2-2 le squadre sembrano ritrovare i loro equilibri, ma la Stella del Sud ha voglia di vincere questa partita e si vede. Trova le forze per reagire ai primi 25 minuti della ripresa in cui lo Shrek si è imposto e perviene al vantaggio con un goal di Calamita che l’arbitro giudica in rete, fra le proteste e i successivi nervosismi degli avversari che ritenevano il pallone non insaccato. Finale all’attacco da parte dello Shrek per tentare il pareggio, ma viene beffato da un contropiede bruciante che manda in rete nuovamente Marchese, per una tripletta che lo segnala come miglior giocatore in campo, dopo l’arbitro come suddetto.