Giangranco Fini.jpgGianfranco Fini aveva ricevuto a Giugno di quest’anno le Mamme di Bivona, sollecitato dall’intercessione dell’avv. Maria Limardo che, preoccupata della situazione del dopo alluvione 2006, insieme ad alcune rappresentanti delle famiglie della frazione vibonese, si recarono a Roma per chiedere al presidente della camera dei deputati  l’attuazione del Piano Versace.   Durante il cordialissimo colloquio è stata esposta al Presidente la gravissima situazione di rischio idrogeologico del territorio, la impellente necessita di eseguire opere pubbliche per la sua messa in sicurezza e affrontati gli argomenti dello sviluppo economico.

Fini accettò poi l’invito di venire a Vibo per una visita a Bivona e in città. L’invito fu formalizzato dal sindaco Sammarco e la visita avrà luogo venerdì 11 dicembre. Dopo i rituali istituzionali, il Presidente della Camera si soffermerà ad affrontare i problemi concreti del territorio traendo le conclusioni all’interno di un convegno organizzato dall’Associazione “Progettare il Futuro”, presieduta dalla Limardo. Il convegno, sul tema “Vibo Valentia, la Calabria e il Mediterraneo: le nuove vie da percorrere”, avrà inizio alle ore 15 presso l’Auditorium della Scuola di Polizia. Nel corso dello stesso saranno affrontate tematiche scottanti e di attualità quali l’analisi della congiuntura economica, il peso della criminalità organizzata, il rapporto tra imprese e pubblica amministrazione, le concrete possibilità di internazionalizzazione verso l’area del Mediterraneo, i danni di una politica troppo spesso autoreferenziale, il tutto inserito nel contesto delle aspettative dei giovani e delle imprese. “L’idea è quella – ha spiegato Maria Limardo – di dimostrare che la Calabria pur essendo imbrigliata da lacci e lacciuoli, che le impediscono di esprimersi possiede alcuni possibili percorsi sui quali avviare l’inversione di rotta rispetto all’attuale asfissia sociale ed economica. La visita del Presidente della Camera rappresenta motivo di grande orgoglio per la Città ed è il segno tangibile della grande attenzione che Gianfranco Fini, oggi nel suo ruolo e prima come politico, ha sempre manifestato per il Mezzogiorno e per la Calabria”.