Logo Italiano in Italia.JPGVuoi imparare l’italiano? Vuoi trascorrere una vacanza in uno dei posti più belli d’Italia? Sei uno straniero che ama la Calabria e vorrebbe coniugare vacanza e studio imparando la lingua di Dante a Tropea?
Allora, il posto più indicato per tutto questo si Trova fra Tropea e Capo Vaticano: si chima B&B “La casa di Calliope” e  Italiano in Italia, scuola di lingua  italiana di assoluto valore, gestita, insieme al B & B, da un ragazzo formidabile: Antonio Libertino, che da anni si occupa di vacanze-studio e che da poco tempo si è messo in proprio elaborando un metodo efficace e pratico per permettere a tutti coloro che amano approcciare questa nostra difficile lingua, di non soffrire di emicranie da sforzi inutili e da concentrazioni cerebrali prolungate ed inefficaci.

Il singolare metodo praticato da Antonio prevede infatti una serie di “rilassate” opportunità. Esse sono:
1) Imparare da casa l’Italiano attraveso skipe.
2) Imparare l’Italiano dopo un bel bagno nel mare di Tropea e Capo Vaticano, sedendo comodamente sulla sdraio o in una bella veranda affrescata della Casa di Calliope.
3) Imparare l’Italiano giocando e divertendosi.
Antonio non è un mago e nemmeno una persona poco seria, anche se il suo assoluto senso dell’humor e la sua spigliata solarità coniugata al quadrato con la sua voglia di vita, potrebbero indurre a pensare il contrario. E’ un assoluto professionista, laureatosi in Giurisprudenza  in quel delle Università siciliane, certificadosi successivamente all’Università di Siena come insegnante d’italiano con il prestigioso titolo DITALS.
Non gioca affatto Antonio con l’approfondimento e la ricerca di nuove e più efficaci metodologie d’approccio didattico-pedagogico. Si aggiorna sempre e lo fa per poter offrire costantemente il massimo ai propri studenti-ospiti. Non vuole confusioni né grandi gruppi. Preferisce le lezioni individuali o in piccolissimi gruppi di lavoro. La location principale, rimane la sua “nuova creatura”: il bellissimo bad and breakfast “la casa di Calliope”, ma, come si diceva, le opportunità sono molte. Basta chiederlo!
Modesto e genuino il suo approccio mentale e la sua convinzione, essenziale a mio avviso per professare qualcosa. Eccola qui! La riporto di seguito  insieme alla metodologia di fondo che la supporta e ai dettagli del suo operare:

“Mi chiamo Antonio, nato e cresciuto a Tropea, mia amata terra.
Non c’è nulla da fare: adoro trasmettere la mia lingua a persone che amano l’Italia, l’italiano e la sua cultura. Infatti, dopo essermi laureato in
Sicilia, ho cominciato ad insegnare in una scuola privata a Tropea dove io e i miei studenti ci siamo divertiti un mondo durante le lezioni.

Antonio Libertino ed alcuni allievi.jpg
Antonio Libertino ed alcuni allievi1.jpg
Allievi della scuola di Antonio Libertino a Tropea.jpg

 Ho anche conseguito il certificato Ditals (livello II), che, rilasciato dall’Università per stranieri di Siena, certifica la competenza glottodidattica dell’insegnante di italiano a stranieri.
Le lezioni possono adattarsi flessibilmente alle vostre necessità. Potete scegliere un corso molto intensivo oppure procedere ad un ritmo più rilassato. Ci concentreremo sulle quattro macroabilità linguistiche (ascoltare, parlare, leggere, scrivere). Particolari esigenze possono essere soddisfatte a richiesta. Il materiale didattico viene fornito con le lezioni.
Ecco un piccolo esempio di come insegno l’italiano. Come potete notare nel video, imparare una lingua straniera in un ambiente bello e rilassato è più facile.
Quando si è nervosi, o per meglio dire, non si è rilassati durante la lezione, è difficile imparare qualsiasi cosa, inclusa una lingua straniera.
Ecco perchè cerco sempre di creare un’atmosfera rilassata durante la lezione, rilassata ma sempre professionale. Per me è davvero una gioia sentire le persone straniere parlare la mia lingua. E questo lo dico con il cuore.
Come ho già detto, praticheremo insieme le quattro macroabilità linguistiche (ascoltare, parlare, leggere, scrivere). Il programma non è fisso, ma flessibile, in modo da adattarsi alle vostre esigenze. In un corso di quattro ore, ad esempio, non farò sempre due ore di conversazione e due di grammatica, ma cercherò sempre di  variare per quanto possibile le mie lezioni. E lo farò in modo da adattarmi alle vostre caratteristiche d’apprendimento. Questo perchè siete voi che dovete essere al centro del processo didattico. E non sono io ad affermarlo, ma moltissimi studiosi moderni.
Vi insegnerò l’italiano con il metodo comunicativo. Cosa significa? Parleremo insieme. Voi parlerete. Vi stimolerò a parlare. Il moderno insegnante di lingue è un motivatore. Se fa bene il suo lavoro, allora gli studenti saranno motivati a imparare.
E’ importante dire un’ultima cosa. La gente pensa che un insegnante d’italiano debba saper parlare molte lingue. Non è vero. Ed è molto sorpresa quando dico che non è necessario. Conoscere le lingue è d’aiuto, ma non è necessario. Il nuovo insegnante d’italiano deve essere un po’ “attore”. Deve farsi capire con i suoi gesti  e con immagini. Questo accade soprattutto all’inizio. Poi potrà spiegare le parole con altre parole (perifrasi).”

Che dire ancora dopo questo manifesto programmatico e preciso? Poco e solo alcuni dettagli. Intanto, per chi volesse sapere i costi delle lezioni il listino è visualizzabile cliccando qui.
Link per i prezzi
Poi se volete sapere cosa dicono di Antonio Libertino i suoi ex allievi e le persone che hanno seguito i suoi corsi, allora dovrete linkare qui

Se invece, volete contattarlo potete rivolgervi a chi vi scrive, andando nella pagina contatti di questo sito oppure procedere per conto vosto nei contatti e nelle pagine del suo sito ufficiale.
Nel frattempo e se volete una piccola dimostrazione del suo originale approccio pedagocico, gustatevi questa video-lezione