640361291.JPGSfogliando in tarda serata i quotidiani nazionali on-line, ho notato che quasi tutti quelli da me visitati, riportavano questa notizia. Siccome alla Force Blue di Briatore, che per i non addetti ai lavori significa un mega yacht di 61 metri ho dedicato a suo tempo un bel post, ho pensato di pubblicare questa notizia, malgrado non possa, come si suol dire, fare ‘scoop’. Ma il ‘gossip’, categoria quasi dimenticata da chi vi scrive, merita una cura ‘rivitalizzante’.

267088108.JPGIl tutto è avvenuto nel porto di La Spezia, ieri mattina 21 Maggio 2010. Le cause del sequestro una presunta frode sull’IVA e sulle accise del carburante non pagate.  Briatore risulta indagato per avere violato norme riguardanti le leggi doganali e il Testo unico dell’Iva. In particolare a Briatore e a Maria Pia De Fusco, amministratore unico della della ‘Autumn sailing limited’ è contestata la violazione del Testo unico dell’iva e di quello delle leggi doganali. Avrebbero cioè – secondo l’accusa – sottratto la force Blue al pagamento dell’Iva dovuta all’importazione sull’importo imponibile. Il gip poi sottolinea: ‘a seguito dell’importazione del predetto natante avvenuta con il noleggio concluso da Maria Pia De Fusco a favore di Flavio Briatore sarebbe stata sottratta l’unità al pagamento dell’Iva all’importazione. Il reato sarebbe avvenuto in acque territoriali italiane nei pressi della Sardegna a partire dal luglio 2006. A Briatore, alla De Fusco e a Ferdinando Antonio Tarquini, altro amministratore della ‘Autumn sailing limited’ sono contestati cinque episodi di violazione che si sarebbero verificati negli ultimi mesi.’Il sequestro si poteva evitare’: lo dice con rammarico Flavio Briatore riferendosi al megayacht Force Blue che lui ha in uso. Secondo Briatore l’imbarcazione ‘è stata regolarmente presa in affitto da me, come d’altra parte in passato hanno fatto tante altre persone’. ‘Si tratta di una vicenda paradossale, che sono convinto si risolverà molto presto’, aggiunge Briatore.  Resta però l’amarezza per come è stata trattata la questione, incalza il manager. Il  Flavio nazionale, l’ Elisabetta mia, metafora delle calabriselle more e belle, il loro piccolo figlio Falco Nathan, costretti a sbarcare ed attendere l’evolversi della vicenda. A me che non amo il gossip ma che amo le barche belle, rivedere la Force Blue a Tropea farebbe molto piacere. Ma la legge è legge anche per i VIP. Questo Briatore lo sa, e, credo, visto i suoi trascorsi, anche ad accettarlo perché alla fine riuscirà a venirne fuori. Questo è l’augurio che voglio mandargli da queste pagine. Questo quanto, gli amanti delle belle barche auspicano.