Spaghetti cozze vongole e gamberi.JPGLaboriosa la messa a punto di questa ricetta, ma non complicata nell’insieme. Mi da una mano un’amica svizzera a pulire le cozze, nostra ospite in questi giorni a Tropea. A Joelle questi spaghetti son piaciuti molto, spero anche a voi.

Per 4 persone: 350 gr. di spaghettini n° 9 marca De Cecco, 1 kg di Cozze, mezzo chilo di vongole, 4 gamberoni grandi, 350 gr. di gamberetti freschi, olio d’oliva, prezzemolo, sale, pepe nero, aglio, un bicchiere di vino bianco secco, è quello che occorre per prepararli. Vediamo come fare.

Un’accurata pulizia delle cozze, insieme allo spurgo della sabbia delle vongole per prima cosa. Per la pulizia delle cozze si procede a levare il filo-alga presente in ogni cozza, con uno strappo all’ingiù e, successivamente, con una spugnetta di lana d’acciaio, provvedete alla loro pulizia esterna. Per le vongole invece, occorre lasciarle almeno 2 ore in acqua salata. I gamberi vanno accuratamente sgusciati, puliti nel dorso dagli escrementi – laddove presenti –  con l’ausilio di uno stecchino e lasciati riposare in un contenitore.

Cozze 1.JPG
Vongole 2.JPG
IMG_4322.JPG

 

Si procede quindi all’apertura delle cozze e delle vongole. Si inseriscono dunque cozze e vongole in una grande pentola capace di contenerli e, dopo aver triturato grossolanamente il prezzemolo insieme all’aglio, li si mette insieme al bicchiere di vino bianco, a 50 gr. d’olio d’oliva al pepe nero – una spolverata abbondante può bastare – a fuoco alto comprendo la pentola.

Prezzemolo 1.JPG
Prezzemolo e aglio 2.JPG
Pentola 1.JPG

 

 

 

 

 

Dopo qualche minuto e prima che si aprano una giratina con un cucchiaio di legno è quello che occorre. Si richiude il coperchio e si attende la loro completa apertura. Spento il fuoco si provvede ad estrarre dai gusci le cozze e le vongole che verranno inserite insieme ai gamberi in una grande padella di alluminio.

Pentola 2.JPG
Cozze 2.JPG
Padellone 1.JPG

 

 

 

 

 

L’acqua che rimane al fondo della pentola è ‘sacra’; in essa vanno cotti gli spaghetti, quindi, dopo averla filtrata con apposito colino – ho usato un normale colapasta – si provvede a rimetterla dentro la grande pentola. Intanto nel mentre si lasciano cucinare a fuoco basso i gamberi insieme alle cozze e alle vongole nella grande padella si aggiunge un mestolo d’acqua filtrata e un filo d’olio. Si spegne e si attende la cottura al dente degli spaghetti.

Filtro 1.JPG
Filtro 2.JPG
Padellone 2.JPG

 

 

 

 

 

Il segreto è quello di farli cuocere al dente nella stessa acqua nella quale si sono fatte aprire le cozze e le vongole, senza aggiungere sale. Qualora non fosse sufficiente si può aggiungere dell’altra acqua calda.

IMG_4337.JPG
IMG_4338.JPG
Gamberi 3.JPG

 

 

 

 

 

Con un forchettone per spaghetti si attende la cottura e si inseriscono gli stessi nella padella. Li si salta a fiamma alta facendoli amalgamare bene con i frutti di mare. Li si assaggia di sale e di cottura. Il piatto è pronto. Buon appetito!

Spaghetti cozze vongole e gamberi.JPG