Caterina Sorbilli.jpgEra una domenica il primo novembre dell’anno scorso. Di prima mattina la televisione comunicò una notizia che commosse molti conterranei e tanti fedeli d’Italia e del mondo: era morta la Mistica del piccolo Comune di Paravati, il “verme della terra”, la Mamma, Natuzza Evolo. Mi ricordo che diedi la notizia a Guglielmo via internet e lui prontamente mi telefonò profondamente scosso ed emotivamente interessato da uomo cristiano qual’era. Mi esortava a scrivere un pezzo da inserire sul blog certo che la notizia avrebbe interessato tante persone ed anche per “celebrare” a modo nostro questa “Santa” a noi contemporanea. Altrettanto avrebbe, poi, fatto lui il giorno dopo dedicando un suo post a due donne importantissime per tutte le persone sensibili come egli era, una lettera per ricordare due “ultime” della terra, Natuzza che così amava definirsi, e la grande poetessa Alda Merini che fu ultima non per scelta ma per destino, anch’ella morta in quella triste giornata d’ognissanti. Tropea, sempre il primo novembre, dovette fare i conti con la perdita di una giovane mamma, Rosetta Calamita, aggiungendo tristezza alla tristezza. Guglielmo allora le definì Angeli caduti; io, da oggi, voglio ricordare con le sue parole un mio Angelo personale, per condividere con quanti vorranno leggere, le stesse parole piene d’amore, solidarietà, amicizia, speranza, intelligenza e romanticismo che sempre tanto coraggio e forza mi hanno saputo regalare.  Ciao amico mio, ciao Guglielmo Lento.

Caterina Sorbilli

Per leggere quanto Guglielmo Lento scrisse l’anno scorso su Natuzza Evolo e Alda Merini premere qui