Enzo Godano.jpgLa poesia che pubblico stasera è stata scritta da un tropeano DOC, uno dei tanti, troppi ahinoi, tropeani della diaspora. E come tutti quei tropeani che non hanno mai smesso di amare la città anche da lontano, si fa sentire e si fa ricordare con vero affetto.

Sto parlando di Enzo Godano, un amico di Tropea, un nostalgico della sua Itaca, un appassionato artigiano di teatro popolare, di poesie popolari, di calabresità ‘tout court’ che da anni vive e lavora in quel di Ogliate Olona, paese dell’entroterra varesino. Enzo mi scrive qualcosa di veramente bello nell’anteprima alla mail  ricevuta nel pomeriggio di oggi e che riporto testualmente prima della sua poesia in vernacolo calabrese in essa allegata e di seguito proposta:

‘Caro Lucio attraverso queste mie modeste poesie, cerco anche se per poco di rivivere momenti ormai lontani, racconti che vengono rimati per dare un senso tecnico allo scritto, che deve rimanere però una storia vera o inventata a secondo dei gusti, dove il lettore si catapulta con l’animo leggero nel passato, in un tempo che fu, quando eravamo felici e non lo sapevamo.

Scrivo da sempre poesie, racconti, teatro popolare e altro, frutto della mia fantasia e di esperienze acquisite nel tempo.  Mi occupo di calabresità da molti anni anche se una certa amarezza mi raggiunge quando osservo che le cosiddette ‘giovani leve’ di tropeani  calabresi o di meridionali in genere (Italiani stranieri così come li definì Mario Soldati), poco si interessano al loro passato.

‘U malocchiu’ racconta di come una parte della comunità tropeana partecipava a certi avvenimenti particolari; rievoca saggezze antiche, solidarietà vera,  facilonerie soggiogate come in questo caso. Questo era il contesto in cui si determinavano e venivano vissuti i valori, quelli veri intendo, conservati, praticati e vissuti nello spirito e nelle azioni dei nostri cari vecchi’.

U Malocchiu

di Enzo Godano

Fuiti cristiani corda corda,

ca ntonetta tornandu da novina,

ci vinni u mali i panza, non poti caminari,

ha smania di paccia e voli vombicari.

Curriru li cummari portandu ncunu aiutu,

cercavanu riparu e nu bonu salutu,

ma ntonetta vombicava e chianu chianu suspirava.

Jeu dicu ch’e’ annocchiata sta povira figghiola,

a vittiru nta strata cchiu’ bella di la luna

e ncuna faccia tosta cuntava matalena, nci fici l’occhiu apposta.

Ntonetta subba o lettu gotava l’occhi ngiru e non avea rigettu,

ma poti ripigghiari carmela la maistra,

nci fici javurari limuni scattagnoli e acito i don pascali,

mattea la gran saputa la vosi affumicari,

carco’ nta na cannistra du rrami d’alivari,

ma mbeci pi ma sarva, s’avea appicciatu a varva.

T’adocchiaru t’adocchiaru e lu pettu si guardaru,

cu la menti e cu lu cori, ripetiru sti paroli,

occhiu nesci, nesci tu pi l’amuri di gesu’,

nesci fora i casa mia pi l’amuri di maria,

tutti quanti li cummari mentri nvocanu preghieri,

appicciaru lu ncenseri pi cercari soluzioni,

ma marietta vombicava ed ancora suspirava.

E’ na fimmina adocchiata, dici rosa da nunziata,

mentri tutti a na vuciata poi tornavanu a cantari,

occhiu nesci on stari cchiu’ pi l’amuri di gesu’,

tra li fumi e li paroli, la criatura si queto’,

ncenzu, alivi e murmurizzu la scintina si mbriaco’,

ma la storia non finiu, si criditi o non criditi c’e’ daveru m’arriditi.

Poi passaru misi e jorna e u paisi on seppi nenti,

ma schianto’ tutta la genti, quandu ntisi a verita’,

attiso’ li ricchi o celu, e lu mundu si gelo’,

ntonettuzza queta queta, senza zitu ne maritu l’atru jornu a parturitu,

annocchiata la pupona si trovo’ mu parturisci,

si sbagliaru li cummari e mo sulu si capisci,

fu di masculu chiu occhio……….e’ fu tosto lu malocchiu.