Enzo godano.JPGLa poesia che presento stasera, rigorosamente scritta in vernacolo tropeano, ci mostra un Enzo Godano capace di dare corpo a quel sentimento di tropeanità pura che da sempre ha accompagnato  la sua vita e di cui il mio blog è fiero di poterne dare pubblicazione. Inoltre ci mostra, ove ce ne fosse ancora bisogno, come e quanto la sua memoria sia viva e come da questo bagaglio immenso di ricordi e di situazioni  tropeane, lo stesso autore riesca ad attingere per dare forma a pagine commoventi e profonde come quella di seguito proposta.

Un salto nel tempo di rara fattura, un ritorno al passato elegante e raffinato, un amarcord preciso e toccante  capace di riportare e di ridare al contempo  al popolo Tropeano uno spaccato della sua storia fatto di persone e personaggi che hanno segnato la Tropea degli anni del secondo dopoguerra; una rievocazione del cuore  di straordinari momenti vissuti in quella Tropea “du burgu ammunti” e “du burgu abbasciu”  “dedicata agli amici che quegli anni hanno vissuto, ai giovani e ai meno giovani che li volessero scoprire o riscoprire, affinché li possano preservare e divulgare nel futuro e soprattutto a coloro che oggi non sono più con noi”.  Questo è quello che Enzo Godano mi ha scritto a tergo della poesia e quanto questa poesia nelle intenzioni dell’autore vuole essere.

Scialatea Burghitana nasce dall’esigenza di porre sulla carta la descrizione di una ricorrenza legata alle festività pasquali, nello specifico al giorno della Pasquetta a Tropea e di come essa veniva vissuta con passione ed intensità coinvolgendo all’unisono tutto il paese. La ‘scialatea’, che in vernacolo tropeano significava e significa letteralmente divertirsi, scialarsi, ma anche andare a trascorrere una giornata fuori dalla città e a volte anche dentro la città, fuori dai muri domestici, con gli amici, tra ragazzi, famiglie, era una tradizione antichissima che andava rispettata ed onorata.

Questa storia si svolge nel Borgo, zona di Tropea che comprendeva la discesa dei fabbri sino alla residenza del Vescovo situata in quegli anni di fronte la chiesa del S. Rosario, la quale negli anni ’50-60 pullulava di famiglie. Oggi è una  zona assai desolante per il sentimento di Enzo perché di quelle famiglie non c’è quasi più traccia e perché divenuta zona commerciale a tutti gli effetti. In detta zona, nel ricordo dell’autore, le famiglie  Corrao, Bova, Mazzara, De Lorenzo, Molina, Fanteuzzi, Giuditta, Toraldo, Lo Torto, Macrì, Bordino, Laganà, Godano, Euticchio, Gallisto, De Vita, Vizzone, Cricelli, Maccarone, La Torto, Montoro, Pedazzo, Mazzitelli, Addolorato, Vinci, D’Agosto, Calò, Ostone, Marsala, Macchione, Caracciolo, Del Vecchio, Marchese, Giuri, Ventrice, D’amico, De Vita, Orfanò, Negro, Scrugli, Sganga, La Ruffa, Lorenzo, Ruffa, Laurentis, Cotroneo, Gallipoli, Callisto e altre ancora.

In detta zona il mito di  Micu Tubiolu che burghitanu non era, ma veniva attratto per motivi astrologici dalla meravigliosa “villetta i l’Isula”; in detta zona le donne straordinarie, figure ed icone di quella Tropea, un po’ credulone un po’ guerriere, di cui la poesia rievoca Minica di panni, una donnina meravigliosa che raccoglieva i panni per poi andare a lavarli spingendosi a volte anche alla fiumara “da Razia” (La zona della fiumara “la Grazia” alla marina di Tropea delimitante il territorio della città con il comune di Parghelia) in un tempo che invece della “pupù” di questi giorni, di lavatrici e boiler d’acqua calda arruginiti, arrivava acqua pulita e granchi d’acqua dolce. Una Tropea quella di questa poesia in cui gli uomini erano portatori di una grandissima cultura fatta di simpatia ed educazione che mai rasentava l’indolenza.

Scialatea Burghitana

di Enzo Godano

 

Podumani è Galilea,

nto paisi ancora a festa,

tutta a genti dintra e fora,

parra già di scialatea.

 

Tuttu è prontu puru u cori,

ogni dduvi è nu splenduri,

campanari pii e taralli,

pi la grazia du signori.

 

N’ce’ torteri i risu o furnu,

frittatuni di cipui cu ricotta e sotizzuni,

pani i ranu palli i mustu,

fica sicchi e vrascioluni.

 

Puru Bobba ncaluratu nta putica i mastru titta,

tra li ciappi e li zappuni,

vinu cinniri e tinagghi,

mentri trasi u capitanu parra già di maccarruni.

 

Da marina o burgu abbasciu,

vannu lesti i lindinei,

fannu festa subba e casi

abbrazzandu li vinei.

 

Quantu è bellu stu ritrattu! pari natu ‘n mparadisu

ma daveru u cuntu è fattu?????

 

Quandu tuttu pari o chianu,

chista è leggi naturali,

succediu na cosa mala, donna chicca du barcuni,

dopu stranu avvistamentu rimoviu nu cupigghiuni.

 

Stati queti e apriti i ricchica vi cuntu u schiattazzuni,

fu nu lampu cu lu suli,

nu cuvali nto portuni,

a zza tonna ed a mannina ciabballo’ lu faddaluni.

 

Chistu e’ u ntrizzu amici cari,

appojatu a canciata da villetta o mari randi,

comu pigula i jornata chi ti jetta malanova,

nc’era micu sulu sulu chi jujava li cannola.

 

Certamenti è risaputu,

ca tubbiolu ogni momentu po’ gotari l’acqua e u ventu,

ma nta jorna accussi’ grandi non si vitti mai mpegnatu,

guarda all’aria lu riuni, cu lu cori scunsulatu.

 

Nta nu nenti alla funtana arrivaru li cummari,

rosa ursula e tiresa,

poi pinuccia avanti avanti betta e minica di panni,

gorgi aperti e ugni i fora.

 

Arraggiati comu e cani cu li bumbuli nte mani,

dicidendu ammanu a manu ja pi ja na soluziuni,

ca si vonnu nummu tingi,

a mu nciaprinu u testuni.

 

Capiscendu a situaziuni, si fermo’ lu gran scenziatu,

cu crianza, tostu e lestu misi tuttu nta scarcina,

dichiarandu duci duci,

ch’era sulu allenamentu pi na gara di palluni.

 

Mancu u tempu u sindi vaci ca lu suli s’affaccio’,

suspiro’ tuttu u paisi s’addubbaru i panni mpisi,

forsi e’ veru o trupiani, ndavi tanti bumbacari,

ma sapiti chi vi dicu, nui restamu i sentinella puru quandu è cugghiunella.

Dello stesso autore leggi anche le poesie

Un tempo

U malocchiu

Tropea