Un’altra poesia in dialetto tropeano che da qualche giorno aspettava di essere pubblicata è quella che Enzo Godano ha dedicato alla difficile integrazione dei migranti Tropeani in terra di Lombardia. Non aggiungo altri commenti per lasciare ai lettori il gusto di apprezzarne al meglio i contenuti.

L’Unità Congelata

di Enzo Godano

 

Quandu nu trenu mi porto’  luntanu

nu pezzu di cori mi catti  nta manu,

non era na faragula o nu jocu,

ma chiantu di salutu chi canta d’intra o focu.

 

Daveru a mu ti scordi u tempu anticu,

cca’ non trovami u tempu pi  raspari lu vijcu.

 

Ndi ficiru l’italia e simu tutti i fora,

miliuni di cristiani cu scatuli i cartuni

e l’animu sciancatu dassammu lu casatu,

mazzini, garibaldi, piemuntisi!  E’ chista l’unità ???

 

Ma non ruppiti i paj,

a furia mu caminu mi staju facendu i caj.

 

Na cambara scura culuri da fami,

ndi isamu a matina senz’acqua e ne pani

e mentri n’amicu nd’appiccia na luci,

haju l’occhi vagnati e mi fazzu la cruci.

 

Cust’aria chi feti di carni stricata,

dassamu u cortili scindimu nta strata.

 

Caminu nta nigghja pi tutti i puntuni,

toccandu a furtuna  a milli portuni,

girandu annorbatu e senza lumera,

mi trovu davanti a na ciminera;

 

Giganti mperticatu chi svombica caligini cchiu’  subba du criatu,

nto filu i nu barcuni nci sugnu robbi mpisi,

curiusu vaju mi toccu,

mi parinu criditi…..certi pinni i piscistoccu.

 

Du friddu e du scumfortu m’abballa u varvazzolu,

su ncerca i nu lavuru nu tozzulu i pani,

si pensu a terra mea jeu poi mi sentu mali,

parrandu cu crianza mi spagnu puru u pisciu;

 

aju i mani ntozzulati e pi stu grandi jelu….

.perdivi puru a cicciu….milanu grandi e bella! non

mi dassari sulu, ti giuru si m’abbrazzi,

da veru calabrisi ti pagu puru i spisi.