ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,Ingredienti per 2 persone:

  • 2 cipolle rosse di Tropea;
  • olio d’oliva;
  • 1/2 bicchiere d’aceto di vino bianco;
  • un cucchiaino raso di zucchero; 
  • sale q.b.

ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,

Preparazione: si puliscono le cipolle e si tagliano in fette sottili ricavandone tanti anelli;

In una larga padella si versano poco olio, le cipolle, il sale e si ricopre il tutto di acqua;

ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,

Sul fuoco moderato si fa cuocere fino all’assorbimento quasi totale dell’acqua;

A questo punto si irrora con l’aceto in cui è stato sciolto lo zucchero e si lascia un attimo sul fuoco.

ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,ricetta cipolla,come si prepara la cipolla in agrodolce,cipolla,contorni,ricetta tropeana,le ricette tipiche di tropea,

Versare su un piatto e servire freddo.

La presente ricetta è tratta dal quaderno di cucina di Maria Coccia contenuta nell’opuscolo dal titolo “Memorie e vecchie ricette, breve saggio alla riscoperta di sapori quasi scomparsi”, a cura di Gasperina Lento per FIDAPA Tropea di cui alcune ricette sono state già pubblicate su questo blog. 

In esso, la didascalia che accompagna questa ricettà è la seguente:

Le cipolle rosse, dette oggi “di Tropea”, cominciavano a far sentire con prepotenza la loro presenza tra aprile e maggio. Allora le giovani, fresche cipolle novelle, venivano estirpate dai terreni e caricate in cesti di strisce di legno, su grossi camion.

Questi li portavano nei capannoni per la lavorazione e quindi alla stazione ferroviaria, dove, sui treni merci in continuo movimento, raggiungevano lontani mercati.

In quegli stessi mesi, i ragazzi che con il bel tempo stavano sempre più a lungo nei cortili e per le strade, arrostivano i dolci e teneri bulbi tre le braci di focherelli. Essi si accendevano un po’ dovunque diffondendo col fumo un profumo il cui ricordo mi inonda il cuore di nostalgia.