Sogno Tropea

di Tiziana Aliffi

 

Percezioni raffinate

desideri e fantasie

avvolgono

sensuale capacità

di esprimere un corpo.

Il treno

si ferma

arriva nel giardino della villa

e le vecchie statue di marmo

iniziano una danza

come invase di energia vitale

nuova vivacità conquistata.

La donna

scesa dal treno

s’avvicina al vialetto

lo percorre

col suo bambino dentro la sacca marsupio

passi lenti

cadenzati

sguardo esterrefatto

si scioglie i capelli

mentre il treno riparte

alle sue spalle

la vasca dei pesci rossi.

Luogo impossibile

spazio privo di scansione terrena.

Ricominciare a vivere

senza passato.

Ci manchi molto Tiziana! Torna presto tra noi e continua a sognare Tropea!

Per leggere altre poesie di Tiziana Aliffi premere qui.