images?q=tbn:ANd9GcT2Q-2FFyDkKoK7sPuZhSk0GnArAigy_IZOm6HgxRtgPddb5_4xXgNon esiste spazzatura più grande di quella di una cronaca o che dir si voglia “giornalismo” di comodo e di parte.

Pensavo che Salvatore Libertino dopo le ultime fesserie che ha scritto sul suo sito internet tropeaedintorni.it, sciocchezze giornalistiche smontate ad una ad una nell’articolo a firma del prof. Gaetano Vallone, facesse per davvero quello che si era prefissato di fare, annunciato peraltro in un suo post dal titolo “all’alba di un sogno”, ovvero riscoprire la sua professione di fotografo.
Ma così non è stato, così non ha fatto, e con un altro post dal titolo “la spazzatura dalle stelle alle stalle” ci ha nuovamente “deliziato” indossando ancora i panni dell’apprendista cronista, per non dire dell’apprendista stregone, panni nei quali si è calato da poche settimane, pensando e credendo che basti cucire quattro frasi una dietro all’altra, (gli è riuscito benino devo ammetterlo), uno slogan, un titolo ad effetto e si diviene tutto d’un colpo un giornalista credibile e un “miglior cittadino”.
Andiamo al dunque perché di tempo da perdere non ne ho e perché a Salvatore Libertino troppo tempo non è utile dedicare, considerata la pochezza delle sue cronache e delle sue argomentazioni.

Una domanda su tutte mi viene lubranamente dal cuore e con questa domanda e due corollari a tergo, apro e chiudo questo post: come mai Salvatore Libertino, al tempo della ex amministrazione targata Repice, non ha mai sollecitato e non ha mai scritto nulla sulla sporcizia e sulla spazzatura non solo fisica ma anche morale che attanagliava la città?
Come mai, tutto d’un colpo, gli sovviene la consapevolezza di recitare la parte di “miglior cittadino” dopo anni ed anni di silenzio e di mediocre cronaca politica fariseisticamente recitata senza mai esporsi e senza mai prendere posizione su niente e su nulla dei problemi che la città attraversava?

Lo sa Salvatore Libertino che negli archi della marina erano almeno 10 anni che non veniva fatta pulizia e che si deve a questa amministrazione (nostro dovere ovviamente) l’opera di pulitura?
Lo sa Salvatore Libertino che il Comune, al momento, non è dotato nemmeno di una piccola “Ape” perché le esigue risorse a nostra disposizione e la ritardata approvazione del bilancio non ci consentono di poterla acquistare grazie anche ai debiti in bilancio e fuori bilancio che la precedente amministrazione ci ha lasciato e che lui non hai mai evidenziato nel suo sito?

Che Tropea sia una meta turistica molto rinomata lo sanno anche i bambini. Che Tropea sia bellissima pure. Che a Tropea servirebbe davvero guardare nuovamente alle stelle e volare alto lo sanno in pochi e tra quei pochi non posso annoverare di certo Salvatore Libertino le cui “stelle” sono state rispedite a casa due anni fa, e la cui “stella” rischia di appannarsi molto presto se pensa che la strada da seguire e quella della critica “a prescindere” all’amministrazione comunale di Tropea.

Del “garbage” di Tripadvisor bisognava accorgersi anche quando nel Maggio 2010 per ben 42 giorni al Porto di Tropea scorreva fogna a cielo aperto nel silenzio assordante del suo sito; della pulizia delle spiagge e della fogna a cielo aperto che per ben due volte ed in piena estate si riversò sulla spiaggia del Passo Cavaliere anche; dell’amministrazione “allegra”, solo per usare un eufemismo, nei 16 mesi a guida Repice, fatta di tentativi maldestri di assunzioni (LSU-LPU) dichiarate illegittime, di “carnevali col gusto” da 40mila euro senza impegno di spesa, di acquisti e gestioni di parchimetri per i quali si deve ancora fare chiarezza e di tanto altro ancora che di sana e corretta amministrazione aveva ben poco, Salvatore Libertino non si è accorto di nulla… e chissà perché.

Ben vengano le critiche come già detto dal sindaco Vallone quando muovono da onestà di giudizio e quando ci sia coerenza nella linea di condotta. Ma una cosa è certa: alle critiche pubblicate “ad usum delphini” che di pungolo hanno davvero poco,  seguiranno da qui in avanti risposte precise e forti.

Sappia infine Salvatore Libertino che non è per le sue “critiche” ed i suoi “pungoli” che l’Amministrazione comunale di Tropea ha pulito la villetta di “Liano”; non è per le sue critiche ed i suoi pungoli che si è fatta pulizia alla marina di Tropea e men che meno riacceso le luci artistiche dell’Isola. L’amministrazione comunale di Tropea ha una precisa linea di programmazione basata sul ripristino delle regole, sull’ordinaria e sana amministrazione quotidiana della cosa pubblica, sul rilancio di un turismo di qualità, sul decoro urbano da riportare alla decenza e sulla lotta al degrado morale e materiale della città.

Ringrazino i “migliori cittadini” la precedente amministrazione se questa linea ha subito un certo rallentamento per la questione porto che oltre al danno d’immagine e al funzionamento a singhiozzo della struttura, segna un danno materiale di c.ca 300mila euro di spese legali, spese non previste e per le quali, insieme alle spese per i depuratori, il bilancio annuale stenta ad essere “quadrato”. Sappiano comunque “i migliori cittadini” come Libertino che ci sono ancora due anni scarsi per la fine del mandato amministrativo ed in questi due anni non staremo di certo con le mani in mano, anche se qualche “puparo” di professione crede e pensa che l’amministrazione Vallone sia al capolinea e possa rallentare la sua azione o peggio spera intimamente nel suo tracollo. I Leoni, lo voglio ricordare, si cibano di carne anche da vecchi…I Leoni, aumentano le loro capacità carismatiche e di comando col passare degli anni…guai a trascurare questo fattore! E con queste metafore spero di aver reso meglio l’idea…della serie: a buon intenditor….